L’analisi dettagliata dei siti scommesse Apple Pay

Il logo Apple Pay E lo smartphone, dopo aver inglobato computer, fotocamera, televisione, console, diventò anche un portafoglio. Questa è la rivoluzione che da qualche anno iPhone e iPad stanno portando avanti, grazie alla tecnologia Nfc, che a metà del 2017 è sbarcata anche in Italia. Ma l’azienda di Cupertino non si è fermata qui: sono infatti subito nati i primi siti scommesse Apple Pay e tanti altri promettono di aggiungersi alla lista in un prossimo futuro. Il sistema di pagamento funziona infatti contactless presso i negozi fisici, ma può venire usato tranquillamente anche per pagamenti sul web o sulle app, come appunto nel caso delle scommesse. Sono tanti i temi che affronteremo in questa recensione di Apple Pay: cominciamo subito a conoscere il miglior sito scommesse in circolazione in Italia per questo metodo di pagamento.

Il miglior sito scommesse che accetta Apple Pay
888SportValutazione:
Il logo di Apple Pay
BONUS DI BENVENUTO Fino a 100€*SCOMMETTI!
IL MIGLIOR BOOKIE APPLE PAY:Al top come palinsesto sport, mercati sul calcio, sul tennis, quote e payout
CONTENUTI SPECIALI:Applicazione mobile veloce e intuitiva e bonus di benvenuto unico nel suo genere
* Offerta soggetta a specifici termini di regolamento. Clicca su “SCOMMETTI!” per saperne di più.

Con Apple Pay sarà possibile pagare direttamente con lo smartphone. Ma come funziona esattamente? E ci sono delle banche che supportano il sistema? E soprattutto: è un sistema sicuro? A queste ed altre domande abbiamo dato una risposta nei paragrafi che seguono, con l’aiuto di immagini, grafici e contributi video. Cercheremo di non tralasciare nessun aspetto importante, a partire dalla creazione di un account e dal settaggio, per finire con la descrizione di come fare a pagare sui siti scommesse Apple Pay.

Perchè 888sport è il miglior sito scommesse Apple Pay

Per la fortuna di tutti gli scommettitori che amano la Mela più famosa del mondo, il miglior sito scommesse Apple Pay è anche uno dei migliori bookmaker con licenza italiana. 888sport infatti si è sempre dimostrato uno degli operatori più attenti alle innovazioni tecnologiche e da sempre ritiene il settore mobile delle scommesse decisivo. Ma il bookmaker della 888 Holding è anche tanto altro oltre a questo: come abbiamo già visto in altre nostre recensioni, offre infatti uno dei migliori bonus di benvenuto che si possano trovare sul mercato italiano. Dalle nostre analisi inoltre sono emersi un palinsesto di eventi sportivi molto profondo e i migliori payout che abbiamo rilevato sul calcio. Si tratta insomma di un ottimo bookmaker a cui affidare le scommesse, in attesa che tanti altri operatori inseriscano Apple Pay tra i metodi di pagamento utilizzabili.

Scopriamo cos’è Apple Pay e come si usa

Se prima di leggere questa recensione ancora non conoscevate Apple Pay, probabilmente vi state ancora ponendo alcune domande. In linea teorica, ok, lo smartphone diventa un nuovo portafoglio virtuale, ma nella pratica come si utilizza? Abbiamo realizzato l’immagine sottostante per sintetizzare i passaggi principali che spiegano come pagare le scommesse con Apple Pay. Chi conosce i device della Mela, sa che spesso certe operazioni sono più semplici da fare che da spiegare. Il primo passo consiste nel richiedere un deposito nell’area personale del conto del vostro bookmaker, dove selezionare l’opzione ricarica con Apple Pay.

I passaggi per scommettere con Apple Pay: deposito, autorizzazione al trasferimento e conferma

Nello step successivo dovrete autorizzare la transazione sul vostro dispositivo. Per farlo, è richiesto l’utilizzo di Apple 1-Touch ID, che, grazie alla tecnologia che permette di riconoscere la vostra impronta digitale e di usarla al posto del pin, vi permetterà di eseguire l’operazione in un battibaleno. Per farlo però avrete bisogno di un device Apple che utilizzi questa tecnologia, quindi tutti quelli a partire dall’iPhone 5s, iPad Air 2 e MacBook 2016 o successivi. Il vantaggio di questa tecnologia, come potete intuire, è quello di consentire pagamenti semplici e veloci, senza intoppi di password o codici da ricordare, ma allo stesso tempo sicurisssimi, perchè garantiti dall’unicità delle nostre impronte digitali. Infatti in tempo praticamente reale il nostro conto di gioco riceverà i fondi direttamente dal nostro portafoglio-iPhone.

Aprire un conto online Apple Pay

Abbiamo iniziato spiegando le basi del sistema di pagamento. Ora è arrivato il momento di andare un po’ più a fondo e scoprire come creare un conto Apple Pay. Per prima cosa assicuratevi di essere in possesso di un dispositivo compatibile con il software richiesto dal sistema. Se già ce l’avete, siete a metà dell’opera! A questo punto non dovete fare altro che cliccare su Impostazioni > Wallet e Apple Pay e poi cliccare sul simbolo +, se state utilizzando un iPhone, o cliccare su Aggiungi carta di credito o di debito se navigate da iPad o da MacBook. Cliccate su Avanti: adesso la palla passa al vostro istituto bancario che verificherà i vostri dati e deciderà se farvi usare la carta con il sistema scelto. Una volta giunta l’autorizzazione, cliccate nuovamente su Avanti: potete finalmente iniziare ad usare Apple Pay!

I passaggi per aprire un conto Apple Pay

Come effettuare un deposito sul conto scommesse

Il processo che porta a effettuare un deposito con Apple Pay sul bookmaker online con cui giochiamo è semplice e lineare, come abbiamo potuto già intuire dai paragrafi precedenti. Vediamo grazie allo slider quali sono i principali step necessari. Si tratta innanzitutto di registrare la vostra carta di credito o di debito nel vostro portafoglio Apple Pay sul dispositivo di cui disponete. Nel paragrafo successivo approfondiremo anche questa operazione nei dettagli, in ogni caso niente paura: è facile come tutto il resto. Il passaggio successivo consiste nel richiedere al vostro bookmaker un deposito, scegliendo Apple Pay nella lista di metodi di pagamento supportati, scegliendo anche la cifra che si desidera depositare.

Come depositare con Apple Pay in tre passaggi
  • Due dispositivi mobile che indicano come registrare una carta di credito utilizzando il sistema di pagamento Apple Pay1/3Aggiungere una cartaEntra nel portafoglio > clicca su Aggiungi carta di credito o debito > clicca su Prossimo > scannerizza la tua carta di credito e digita il codice > accetta i termini e condizioni > verifica la tua carta presso la tua banca.
  • Un telefonino mentre si effettua un deposito su un conto scommesse 888sport in lingua inglese con Apple Pay2/3Depositare sul conto scommesse Esegui il login presso un bookmaker che accetta Apple Pay e seleziona l’opzione di pagamento ad esso collegata nella lista dei metodi di pagamento.
  • La conferma di una transazione con Apple Pay su un telefonino3/3Confermare la transazione Utilizza l’opzione di verifica 1-Touch del tuo dispositivo per completare la transazione e caricare denaro sul tuo conto scommesse.

Infine non dovrete fare altro che confermare la transazione grazie all’impronta digitale che avete impostato sul sistema di verifica 1-Touch ID: fra poco spiegheremo anche come settarlo sul vostro device. In pochissimi istanti il vostro conto di gioco avrà ricevuto il pagamento e sarà pronto per piazzare una nuova scommessa. Al pari di tutti gli strumenti sviluppati a Cupertino, come potete vedere, anche Apple Pay segue una struttura intuitiva pensata per essere veloce ed estremamente semplice da usare.

Come abbinare una carta di credito a Apple Pay

Abbiamo pensato di dedicare un paragrafo ad uno dei passaggi che a prima vista potrebbero spaventare qualcuno tra coloro che si avvicinano a questa nuova metodologia di pagamento. Come abbinare dunque una carta di credito a Apple Pay? Anche in questo caso non potrebbe essere più semplice di così. Abbiamo riportato anche il video ufficiale per rendere tutto il procedimento ancora più chiaro. Dopo aver toccato sul simbolo + del vostro iPhone, infatti, partirà in automatico un’immagine di scansione che dovrete puntare sull’immagine frontale della vostra carta di credito o debito, fino a quando questa non verrà rilevata. A questo punto partirà la richiesta di autorizzazione per il vostro istituto di credito.

Come settare 1-Touch ID sul dispositivo

Ci manca ancora un’operazione da spiegare, ovvero quella che ci garantisce transazioni sicure al 100%. Stiamo parlando della configurazione del sistema 1-Touch ID sul vostro dispositivo. Entrate nella schermata delle impostazioni e scegliete dal menù la voce Touch ID e codice. La prima cosa da fare è l’abilitazione del codice: possiamo qui decidere di utilizzare lo stesso codice di sicurezza che usiamo anche per iCloud, ad esempio. Scegliamo poi quando vogliamo che ci venga richiesto il Touch ID, se subito, dopo un minuto, dopo 5 ecc. L’opzione più sicura è ovviamente subito. A questo punto possiamo aggiungere la nostra impronta digitale. Scegliamo quale dito utilizzare: il pollice è l’opzione che renderà le operazioni più semplici in futuro, se disponete di un iPhone. Appoggiatelo quindi sul tasto Home per far partire il rilevamento impronta. Aggiungete anche l’indice che è il dito più comodo da usare se il vostro dispositivo è, ad esempio, appoggiato sulla scrivania. In seguito verrà chiesto di regolare la presa: tenete il dispositivo come fareste quando dovete sbloccarlo. Una leggera vibrazione vi avvertirà della fine dell’operazione. Ora è tutto pronto per usare Apple Pay.

Quali banche aderiscono a Apple Pay?

Un limite di Apple Pay è costituito dal fatto che non tutte le banche supportano il servizio lanciato da poco dall’azienda di Cupertino. Questo perché l’azienda fondata da Steve Jobs è ancora in fase di contrattazione su alcuni dettagli con diversi istituti di credito. Oggetto del contendere sono le commissioni su ogni transazione. Apple vorrebbe rendere il servizio completamente gratuito per l’utente, mentre intenderebbe far pagare una commissione intorno al 2% agli istituti bancari. Si tratta di una percentuale abbastanza alta, ma visto l’enorme bacino di utenza che la Mela assicura, alla fine dei conti sarà molto difficile per le banche non cedere.

Banche che aderiscono a Apple Pay in Italia
American Express Hype
Banca Mediolanum N26
boon. By Wirecard Nexi (comprese CartaSì e ICBPI)
Carrefour Banca Unicredit
ExpendiaSmart Widiba

D’altra parte i manager di Apple ricordano che serve tempo per costruire le partnership e che in America il servizio, partito con 7 banche affiliate, conta ora più di 45.000 banche aderenti. Tra gli istituti di credito che hanno aderito da subito a Apple Pay troviamo i circuiti Visa e MasterCard erogati da Unicredit, Carrefour Bank e Banca Mediolanum, oltre al circuito America Express. Ad essi si aggiungono il servizio per smartphone N26, Widiba, banca digitale di MPS, la prepagata elettronica Hype, la carta aziendale Expendia Smart e Nexi, già ICBPI. Troviamo poi il servizio offerto da Boon, una app con cui è possibile caricare le prepagate di istituti bancari ancora non aderenti ad Apple Pay.

Commissioni, tempistiche e limiti applicati

Abbiamo riassunto in una tabella alcuni dati utili che interessano gli scommettitori. Una delle caratteristiche fondamentali di Apple Pay che interessa soprattutto i giocatori amanti del live betting riguarda l’estrema velocità dei pagamenti, accelerata dal sistema di riconoscimento digitale. I pagamenti infatti non hanno bisogno di più di 10 minuti. I limiti minimi e massimi sono compresi tra 10€ e 1.000€ e rimangono quindi non troppo elevati, ma pur sempre accettabili.

Operatore Tempi di accredito Limiti minimi e massimi Commissioni
Fino a 10 minuti 10€ – 1.000€ Nessuna
6-8 giorni lavorativi 15€ – Nessuno Nessuna

Il capitolo commissioni infine ci parla di un servizio completamente gratuito, perché, come detto, Apple Pay scarica le percentuali direttamente sugli istituti bancari. Per prelevare invece basta seguire le stesse operazioni che si è soliti fare per ricevere il denaro direttamente sulla propria carta di credito o di debito.

Tutti i vantaggi di scommettere con i bookmaker Apple Pay

Alcuni aspetti del prodotto che abbiamo descritto e recensito fino a qui dovrebbero essere ormai abbastanza chiari. Piazzare una puntata sui siti scommesse con Apple Pay è uno dei modi più efficienti e semplici che esistano. Nessuna attesa e pagamenti estremamente sicuri rendono l’esperienza dello scommettitore migliore sotto tutti i punti di vista. Abbiamo riassunto in quattro box informativi quelli che per noi sono risultati i vantaggi più evidenti.

Le limitazioni all’uso di Apple Pay sui siti scommesse

Anche se tutte le belle parole spese fino a questo momento per Apple Pay continuano a restare valide, abbiamo però il dovere di segnalare alcune limitazioni di questo servizio. Allo stato attuale infatti dobbiamo rilevare come tanti operatori ancora non offrano il wallet della Mela nel loro bouquet di metodologie di pagamento. Sicuramente ciò è dovuto al fatto che il sistema è arrivato prepotentemente sul mercato italiano da pochissimo tempo e solo i più coraggiosi e innovativi bookmaker, come ad esempio 888sport, hanno colto la palla al balzo immediatamente. L’altra pecca di gioventù che siamo tenuti a rilevare riguarda il numero ancora parziale di banche convenzionate con Apple Pay. Come abbiamo spiegato in precedenza, tuttavia, siamo certi che questo numero comunque non risibile si amplierà notevolmente negli anni a venire.

Scommettere con Apple Pay: gli standard di sicurezza

Le misure di sicurezza che Apple ha implementato per garantire al suo wallet virtuale la massima sicurezza offrono all’utente finale una garanzia a prova di bomba. La sicurezza è infatti da sempre un pallino della compagnia di Cupertino, da cui dipende anche la reputazione che si è costruita negli anni: possiamo stare certi che non verrà meno anche in futuro. Fondendo insieme misure di decriptazione di origine militare, come il cosiddetto Secure Enclave, e diversi gradi di identificazione biometrica, i vostri dati bancari rimarranno al sicuro durante tutti i passaggi di una transazione. Ad esempio, quando si aggiunge una carta di credito, in realtà la banca emette un numero di carta virtuale che viene associato non al singolo account ma al device su cui Apple Pay è associato. In pratica, il numero originale della carta non viene mai utilizzato.

I sistemi utilizzati da Apple Pay per garantire la sicurezza: rilevazione biometrica, criptaggio, 3D secure e codici

Bisogna anche sfatare la leggenda secondo la quale sia possibile, a causa dei meccanismi contactless, che qualcuno che si aggira con un POS nella borsa vi sottragga i soldi mentre siete, ad esempio, sul bus. Si tratta di una bufala: Apple Pay si basa infatti su di un sistema 3D Secure, che prevede sempre un livello extra di autenticazione per autorizzare le transazioni. Ad ogni modo, per fugare qualsiasi dubbio Apple Pay offre ai suoi utenti un servizio clienti di altissima qualità, inserito al primo posto tra i servizi di pagamento online dalla ricerca di Statista per Panorama.

Alcune informazioni sull’azienda

L’azienda in breve
Il quartier generale di Apple Pay
Nome compagnia Apple Pay
Sede Cupertino, USA
Anno di fondazione 2014
Azienda madre Apple Inc.
Utenti 90 milioni
Ricavi
Autorità di controllo CSSD, Lussemburgo

Tra i sistemi di pagamento analizzati in queste pagine, Apple Pay è quello più recente e forse anche quello più innovativo. Negli Stati Uniti fu Tim Cook in persona a lanciare il prodotto nell’ottobre 2014, dopo diversi anni di prove ed esperimenti, con l’aggiornamento di iOS 8.1. Nel mese di giugno dell’anno successivo Apple Pay esce per la prima volta dagli States e il servizio viene esteso anche al Regno Unito. Nello stesso 2015 i primi bookmaker cominciano ad interessarsi al servizio. L’anno successivo il wallet di Apple diviene disponibile in numerosi altri Paesi nel mondo, come Cina, Australia, Giappone, Russia, Francia e Spagna. Per il lancio sul territorio italiano bisogna invece aspettare fino al 17 maggio 2017, a causa delle lunghe trattative tra l’azienda di Cupertino e le banche italiane. Nel corso dello stesso anno i primi bookmaker .it si interessano al sistema di pagamento e lo inseriscono tra le loro opzioni di deposito. Ad inizio 2018 il vicepresidente Apple Jennifer Bailey annuncia che il 50% degli esercizi commerciali negli Stati Uniti accetta pagamenti con il wallet della Mela, grazie anche all’adesione di 1600 istituti bancari. Ad oggi sono 25 i Paesi nel mondo in 4 diversi continenti dove è possibile pagare con Apple Pay. La sua ascesa nel mondo dei sistemi di pagamento però sembra tutt’altro che finita: il suo approccio innovativo, che richiede tuttavia strutture e partnership adeguate, farà ancora parlare molto di sé.

I sistemi di pagamento alternativi

Abbiamo deciso di mettere a confronto Apple Pay, tra i tanti metodi di pagamento disponibili per le scommesse online, con PayPal, il più conosciuto e utilizzato portafoglio elettronico al mondo. Cominciamo subito col dire che, se sotto alcuni aspetti i due prodotti possono assomigliarsi parecchio, sotto altri punti di vista le differenze sono notevoli. Le caratteristiche comuni sono ad esempio evidenti quando si parla di commissioni: entrambi i sistemi di pagamento sono completamente gratuiti per l’utente finale, anche e soprattutto quando si tratta di scommesse. Per poter offrire un servizio a costo zero però entrambe le aziende non prevedono programmi VIP per fidelizzare i clienti. Come conseguenza di questa scelta, che a noi pare ragionevolissima, non sono nemmeno presenti offerte di tipo cashback sugli acquisti.

Le caratteristiche di Apple Pay e PayPal messe a confronto

Passiamo ora in rassegna le differenze tra i due sistemi di deposito. Anche se entrambi i prodotti offrono una grande velocità e praticità, probabilmente la sfida sul tempo verrebbe però vinta da Apple Pay. Il sistema 1-Touch ID garantisce infatti allo stesso tempo rapidità e livelli massimi di sicurezza, e consente anche di elaborare tutti i pagamenti, non solo quelli online, ma anche quelli effettuati in negozi fisici, con un solo gesto. Con PayPal d’altronde è possibile gestire allo stesso tempo depositi e prelievi, e tenerli sotto controllo con più facilità. Per quanto riguarda i prelievi, non è possibile utilizzare la tecnologia Touch ID, a causa della stessa natura del mezzo. PayPal è da anni il mezzo di pagamento più utilizzato online e non esistono bookmaker che non lo presentano nella loro offerta, mentre Apple Pay, sbarcato in Italia soltanto a metà 2017, deve ancora aumentare il numero di operatori che lo accettano. Infine un’ultima annotazione: Apple Pay è utilizzabile solo da persone che dispongono di device della Mela, mentre PayPal è fruibile da tutti gli scommettitori senza distinzioni.

Pagare scommesse con Apple Pay: il top per la sicurezza

Cos’altro aggiungere a questa recensione sui boomaker Apple Pay? Dopo aver testato il servizio offerto dall’azienda di Cupertino siamo stati presi da un certo entusiasmo, sentimento che di solito accompagna tutte le rivoluzioni, ma abbiamo cercato di redigere questa disamina nel modo più obiettivo. Non si tratta solo del fatto che abbiamo di fronte il più veloce metodo di pagamento possibile e il più sicuro che possa esistere. C’è dell’altro. L’esperienza in sé è stata eccitante: pagare con l’impronta del dito e ricevere la conferma da una vibrazione soft ci hanno proiettati nel futuro prossimo. Siamo però tornati coi piedi per terra proseguendo nella nostra analisi, quando abbiamo realizzato che sono ancora pochi i migliori siti scommesse Apple Pay presenti sul mercato italiano, tra i quali non poteva mancare il sempre ottimo 888sport. Dato che stiamo parlando di Apple, uno dei colossi mondiali della tecnologia, ci aspettiamo di vedere presto tutti i bookmaker top aderire a Apple Pay.

888sport: il miglior sito scommesse con cui utilizzare Apple Pay

FAQ

Abbiamo speso tante parole per analizzare a fondo Apple Pay, ma se vi venisse in mente ancora qualche curiosità e qualche domanda, non esitate a scrivere ai nostri esperti all’indirizzo email info@sitiscommesse.com.

Posso utilizzare Apple Pay anche con il mio Apple Watch?

Assolutamente sì, Apple Pay è stato pensato per essere usato con Apple Watch. Basta integrare l’orologio tramite app con il tuo iPhone attraverso un semplice processo e la conferma con la password di sicurezza.