L’analisi completa dei siti scommesse Bitcoin migliori

Il logo dei Bitcoin Le criptovalute sono l’argomento più discusso dell’ultimo periodo. Praticamente tutti i canali televisivi e i blog, anche non strettamente economici, hanno dedicato almeno un servizio a questo trend topic per provare a capirne qualcosa di più. Anche noi ci siamo interessati all’argomento e abbiamo provato a rispondere a qualche domanda che ci interessa da vicino: esistono siti scommesse Bitcoin? La risposta è si. Scommettere usando criptovaluta è un modo assolutamente unico di vivere questa esperienza. In questa recensione sui Bitcoin scopriremo come farlo: da come procurarsi la criptomoneta, a come ricaricare il conto e come prelevare. E daremo anche consigli su come agire in tutta sicurezza. Per scoprire qual è il migliore tra i bookmaker che accettano pagamenti con la più famosa delle valute alternative basta guardare la tabella che segue.

Il miglior sito scommesse che accetta Bitcoin
NetbetValutazione:
Monete con il logo del Bitcoin
BONUS DI BENVENUTO: Fino a 50€*SCOMMETTI ORA!
IL MIGLIOR SITO SCOMMESSE BITCOIN:Uno tra i migliori per scommesse sul calcio, rapidità di transazioni e livello di quote
CONTENUTI SPECIALI:Ottime promozioni sempre aggiornate, bonus sul primo deposito e sito performante
* Offerta soggetta a specifici termini di regolamento. Clicca su “SCOMMETTI ORA!” per saperne di più.

Gli scommettitori italiani che vogliono provare il brivido di piazzare una scommessa utilizzando i Bitcoin hanno a disposizione dal 2017 uno dei migliori bookmaker in circolazione. NetBet è l’unico bookmaker con licenza ADM a offrire scommesse con criptovaluta. Certo, esistono anche siti alternativi, ma sono tutti privi di concessione italiana e quindi ad altissimo rischio. NetBet al contrario offre ottime garanzie: non ha caso ha vinto il premio come miglior sito di scommesse sportive agli EGR Awards 2017. Le domande relative alle scommesse con i Bitcoin non si fermano però qui: continuate a seguirci per saperne di più!

Cosa sono i Bitcoin?

Cominciamo dal principio, ovvero col rispondere alla madre di tutte le domande: cosa sono i Bitcoin? Per chiarirci le idee dobbiamo risalire indietro nel tempo fino al 2009, anno in cui qualcuno, rispondente allo pseudonimo di Satoshi Nakamoto, programmò il software che diede vita e regolò la prima criptovaluta al mondo. Dopo un primo periodo di relativo anonimato, il valore potenzialmente eversivo del Bitcoin cominciò a farsi conoscere nel mondo. Ma come funziona esattamente? Stiamo in effetti parlando di denaro che non viene emesso né garantito da nessuna Banca Centrale. Si basa infatti su un protocollo chiamato Blockchain che usa la tecnologia peer-to-peer. Ogni transazione in criptomoneta è pubblica e salvata in un database distribuito, cioè disponibile nei pc di tutti coloro che hanno aperto un wallet con la criptovaluta. Il sistema si basa su una coppia di chiavi crittografiche, di cui quella pubblica funge da indirizzo di invio o ricezione dei pagamenti (semplificando, come se fosse un IBAN), e quella privata da autorizzazione alle transazioni (in pratica, come un codice PIN). Riassumendo, le transazioni sono pubbliche, ma le persone fisiche che le effettuano rimangono coperte da anonimato. Questo sistema di pagamenti ha conosciuto una popolarità sempre maggiore che è letteralmente esplosa negli ultimi anni. La richiesta di criptovaluta ha portato i Bitcoin ad incrementare il loro valore del 1.700% nel corso del solo anno solare 2017, al termine del quale hanno conosciuto addirittura l’ingresso nel mercato dei future. Il mondo del betting non poteva perciò rimanere estraneo a questo richiamo.

Come usare i migliori siti scommesse Bitcoin

Dopo aver fatto un po’ di chiarezza sull’oggetto di questa recensione, andiamo un po’ più a fondo e scopriamo come utilizzare la più famosa delle criptovalute per il nostro passatempo preferito, le scommesse. A differenza delle valute tradizionali, non esiste un pezzo di codice o dei dati, dei quali si possa dire questo è un Bitcoin. Per questo motivo c’è bisogno di utilizzare e settare un portafoglio che sia allo stesso tempo sicuro e affidabile. Il passo successivo è procurarsi i Bitcoin necessari a riempire il portafoglio appena creato. Anche qui, esistono alcune possibilità che vedremo in modo più approfondito in seguito.

Un portafoglio Bitcoin online

Aprire un portafoglio online

Se vi chiedessero di pensare ai Bitcoin vi verrebbe subito in mente una moneta dorata con un disegno a forma B. Questa immagine è puramente convenzionale, dato che le criptovalute esistono solo nel mondo virtuale. Per acquistare, vendere e gestire i Bitcoin avrete dunque bisogno di un portafoglio digitale, senza il quale non vi sarà possibile effettuare queste operazioni. Esistono diversi software e siti gratuiti che ti permettono di settare il tuo portafoglio, con le loro app mobile. I software possono essere complicati da gestire per chi è completamente a digiuno di conoscenze sulle criptomonete. Pertanto consigliamo di utilizzare dei semplici web wallet, che consentono una gestione più agile delle proprie finanze. Tra questi i più conosciuti sono BitPanda, Blockchain.info, Gemini e Bitquick. Fate attenzione però perché su alcuni portafogli web, come ad esempio Coinbase, può essere problematico usare i Bitcoin per scommettere. 

Un form per acquistare Bitcoin

Come procurarsi i Bitcoin

Come è facile intuire, non è possibile rivolgersi alla banca di quartiere o ad un normale sportello bancomat per acquistare Bitcoin. Esistono tuttavia diversi modi per procurarsi la criptovaluta più conosciuta, il più semplice dei quali è senza dubbio quello di acquistarli in uno dei tanti Bitcoin exchange presenti sul web. I sit di cui abbiamo parlato nel precedente box funzionano anche come mercati di criptomoneta e potrete servirvi da loro pagando in semplici euro. L’unico problema di rivolgersi ad uno di questi exchange rimane il fatto di dover pagare una commissione per ogni transazione effettuata. Questi siti consentono anche di ricevere pagamenti in Bitcoin. Non esistono però metodi più semplici e veloci per entrare in possesso di criptovaluta. Alternativamente, esistono piattaforme come Localbitcoin che mettono in contatto tra loro persone che vogliono scambiare criptomonete in cambio di cash. 

L'immagazzinamento dei Bitcoin tramite QR code

Gestire il portafoglio Bitcoin

Un wallet Bitcoin è costituito da un file criptato, accessibile solo se si possiede la relativa chiave di accesso. Cosa significa tutto ciò? Che non esiste una banca che tiene al sicuro per voi i vostri criptosoldi. Esistono diverse opzioni per conservare il vostro wallet. Si può ad esempio tenere il proprio portafoglio online: opzione molto pratica, ma esposta ad attacchi di hacker. Il portafoglio Bitcoin è un wallet virtuale e quindi è possibile farne copie di backup da conservare offline, su memorie esterne, usb o paper wallet, cioè stampato su carta con due QR code. Se anche qualcuno dovesse entrare in possesso del vostro wallet in versione offline, non potrebbe comunque utilizzarlo senza chiave di accesso. Per questo è molto importante non rivelare a nessuno la password e custodirla in un luogo sicuro, anche perché se doveste smarrirla, avreste perso per sempre il vostro portafoglio.

Ricaricare il conto scommesse online con Bitcoin

Abbiamo capito cosa sono i Bitcoin, come funziona il sistema e come creare un portafoglio per acquistare e gestire la nostra criptovaluta. Siamo quindi pronti per effettuare il nostro primo deposito sui siti scommesse Bitcoin. Esistono alcune possibilità, anche solo parlando di operatori con licenza italiana. Vediamole nel dettaglio. La prima e quella più conosciuta passa attraverso Neteller. Il nostro team ha preparato un’immagine a tre step che illustra in modo semplice l’operazione, come potete vedere meglio qui sotto. Basta effettuare il login al nostro account di NetBet e seguire le istruzioni per portare a termine un normale deposito. Tra le opzioni di pagamento, cliccate sul logo Bitcoin per dare inizio al procedimento. A questo punto dovrete scegliere l’ammontare del vostro deposito, ma fate attenzione perché dovrete scegliere la cifra in valuta tradizionale, cioè in euro. Qui entra in azione Neteller che fungerà da mediatore, operando la transazione e cambiando la criptovaluta in euro in modo da finalizzare l’operazione.

Come potete vedere dai tre step illustrati qui sopra, il processo è stato ottimizzato per risultare estremamente semplice e facile da portare a termine. Il deposito finale avviene in valuta di corso legale e necessita di un intermediario per essere portato a termine. Non viene quindi mantenuto l’anonimato e non si corre il rischio di riciclaggio di denaro, rendendo il trasferimento di denaro in questione molto simile ad un normale deposito.

Tre metodi spiegati nei dettagli

Come abbiamo anticipato, accanto al metodo che include Neteller nel pagamento, ne esistono altri, più o meno conosciuti. Va però precisato che per quanto riguarda i bookmaker legali, ovvero quelli in possesso di concessione ADM in Italia, è per ora sempre necessario un intermediario che applichi la conversione da Bitcoin a euro. Pagare direttamente dal nostro portafoglio Bitcoin le scommesse sportive è possibile, per il momento, solo su piattaforme senza licenza. Crediamo tuttavia che ben presto anche il mercato legale si adatterà alle nuove esigenze del presente. In realtà, presentandosi sotto forma di e-wallet, non si discosta molto da altre forme di pagamento che abbiamo già visto in queste pagine e che sono abitualmente utilizzate per le scommesse sportive online. Nei tre box che seguono abbiamo riassunto le possibili alternative a disposizione.

Prelevare le vincite di scommesse sportive con Bitcoin

Arrivati a questo punto non ci resta che piazzare la nostra giocata e sperare in po’ di buona sorte. Se siamo fortunati e riusciamo ad accumulare un gruzzolo interessante di vincite, possiamo procedere con un prelievo. Se vogliamo prelevare la vincita di una scommessa in Bitcoin dal sito di NetBet dobbiamo per forza di cose appoggiarci ad una piattaforma che converte criptomoneta in valuta tradizionale. L’unica piattaforma che opera questa transazione con bookmaker è Neteller: assicuriamoci quindi di avere un e-wallet verde settato a puntino.

Come funziona il prelievo nei dettagli

Vediamo il procedimento nei dettagli, grazie all’immagine che il nostro staff ha messo a punto per voi. Seguendo passo per passo le istruzioni, il processo di prelievo non comporta nessuna difficoltà. Come prima cosa, recatevi nella sezione prelievi del vostro conto di gioco su NetBet. Esattamente come avete fatto per richiedere un deposito, cliccate sull’icona corrispondente alla transazione in Bitcoin.

I tre passaggi per prelevare con Bitcoin: richiesta di prelievo, arrivo del denaro, versamento su conto corrente

Da questo momento in poi la palla passa a Neteller. Il nostro prelievo da siti scommesse Bitcoin, come detto, proprio perchè non convenzionale, necessita di un intermediario per essere portato a termine in modo proficuo. Grazie al famoso e-wallet infatti è possibile convertire il nostro malloppo di criptomoneta in valuta tradizionale, nel nostro caso in euro. Per elaborare questa operazione Neteller può richiedere fino a 1 giorno lavorativo, per via della volatilità insita nella natura stessa dei Bitcoin, anche se nella maggior parte dei casi questa avviene praticamente in tempo reale, tuttavia non viene applicata nessuna commissione. A questo punto possiamo procedere col nostro prelievo di denaro. Le opzioni che abbiamo di fronte sono due: o inviamo un ordine di prelievo da Neteller al nostro conto corrente bancario, oppure utilizziamo, se ne siamo in possesso, la carta prepagata Neteller MasterCard per prelevare contanti direttamente da uno degli sportelli bancomat convenzionati.

Differenze tra scommesse con Bitcoin e con valuta tradizionale

Una domanda può essere sorta spontanea a quelli che fra voi ci hanno seguito dall’inizio di questa recensione. Perché dovrei usare siti scommesse Bitcoin invece di valuta tradizionale, nel nostro caso euro? È una domanda legittima. Le scommesse online con Bitcoin rappresentano infatti un modo completamente unico di giocare. Al brivido stesso della scommessa in sé, infatti, vi si aggiunge l’ebbrezza di scommettere sul valore stesso della criptovaluta. Vediamo di spiegarci meglio. I Bitcoin sono una valuta decentralizzata, ma allo stesso tempo affidabile e relativamente sicura. Sono tuttavia soggetti ad un altissimo tasso di volatilità rispetto a valute tradizionali come euro o dollaro, che significa che dal momento in cui piazzate la giocata al momento in cui ritirate la vincita la posta in palio potrebbe aver acquistato valore aggiuntivo, sicuramente molto maggiore rispetto al tasso di inflazione delle monete correnti. Ma attenzione: così come il loro valore aumenta repentinamente, può anche diminuire. Si tratta a tutti gli effetti di una scommessa nella scommessa.

Le scommesse con Bitcoin e le scommesse con valuta a corso legale messe a confronto

La valuta tradizionale non offre tutto questo brivido. D’altra parte dobbiamo anche fare qualche altra considerazione in merito. Gestire e operare con Bitcoin non è un gioco da ragazzi e richiede qualche competenza e un minimo di esperienza, che con questa recensione speriamo di avervi aiutato a formare. Va anche sottolineato che la stabilità della valuta tradizionale non comporta rischi ed è protetta e garantita da istituzioni pubbliche e banche. Inoltre quando effettuate un prelievo potete spendere direttamente i vostri soldi, anziché passare attraverso un intermediario per convertire la vostra valuta. A voi la scelta: in fondo, si tratta pur sempre di un gioco.

Consigli utili per usare le criptovalute in sicurezza

I Bitcoin non sono solo una nuova valuta, ma un vero e proprio esperimento mai tentato prima, ma ancora in una fase sperimentale. È bene quindi informarsi a dovere e prendere le dovute precauzioni prima di cominciare ad utilizzarli. Il primo accorgimento riguarda il vostro Bitcoin wallet. Proprio come un portafoglio reale, va tenuto al sicuro e lontano da occhi indiscreti. Ad esempio, i portamonete offerti da servizi online possono risultare molto comodi, ma hanno dimostrato in passato di essere maggiormente esposti ad attacchi esterni. Aggiorna spesso il tuo software. Può essere inoltre considerata una buona idea tenere in un wallet online solo il denaro che si intende spendere. Per i risparmi, invece, conviene utilizzare metodi di cold storage, ovvero tenere offline su memorie usb o su carta tramite QR code il backup del vostro wallet. Mantenete sempre criptati il vostro portafoglio e il relativo backup, ma fate attenzione. A differenza di un normale conto in banca, è praticamente impossibile recuperare la password di un wallet Bitcoin. Tenete quindi sempre una copia cartacea della password, preferibilmente chiusa a chiave in una cassaforte. Per questo motivo, assicurati nel peggiore dei casi con un testamento che qualcuno a cui tieni possa risalire al portafoglio per evitare ai tuoi fondi di andare per sempre perduti. Ricorda infine che queste transazioni sono immediate e irreversibili: pertanto pensaci bene prima di autorizzare un pagamento.

Le caratteristiche della sicurezza dei Bitcoin: privacy, portafogli separati, cold storage, testamento online

Alcune informazioni sui Bitcoin: storia e prospettive

Alcune info su Bitcoin
Il Bitcoin raffigurato come una moneta d'oro su circuiti integrati
Nome valuta Bitcoin
Codice XBT o BTC
Anno di fondazione 2009
Inventore Satoshi Nakamoto
Utenti 5.8 milioni
Limite Bitcoin 21 milioni
Cambio in € Scopri il valore qui
Autorità di controllo Non regolato

La storia della criptovaluta più famosa è ormai cosa nota ai più. Nel 2008 Satoshi Nakamoto pubblicò il protocollo Bitcoin su The Cryptography Mailing list in internet, per poi distribuire l’anno successivo la prima versione del software client e contribuire insieme ad altri sviluppatori ad espandere il progetto, salvo poi ritirarsi dalla comunità Bitcoin nel 2010, lasciando la conduzione del programma nelle mani di Gavin Andersen. Ancora oggi si discute sulla vera identità che si cela dietro lo pseudonimo nipponico del creatore della criptovaluta e nessuna delle teorie che sono state fino ad ora elaborate ha trovato riscontro nella realtà. Il valore del Bitcoin ha continuato da allora a crescere negli anni, anche se non in modo costante nel tempo. A inizio 2012 un Bitcoin veniva scambiato con 13 dollari, a fine 2016 ne valeva 850. Nel dicembre 2017 il Chicago Board of Trade (CBOT), la borsa della città dell’Illinois, ha cominciato a consentire lo scambio di titoli future sulla criptovaluta più conosciuta, una sorta di contratto che permette agli operatori di scommettere sul valore futuro di un bene, contribuendo ad impennare il valore della moneta virtuale. Così il Bticoin arriva a fine 2017 a sfiorare quota 20.000, prima di un repentino crollo a 12.000, chiudendo poi l’anno a 14.600.

Volatilità e fluttuazioni della criptovaluta

Una moneta Bitcoin con grafici finanziariTra i rischi maggiori legati ai Bitcoin avrete sicuramente sentito parlare di volatilità e fluttuazione della valuta. Ma a cosa ci si riferisce esattamente con questi due termini? Senza volerci addentrare in questioni troppo economiche, limitiamoci a qualche definizione. La volatilità è una misura della variazione del prezzo di una moneta in un determinato lasso di tempo. È importante perché più è alta la volatilità e più è rischioso tenere un asset finanziario come i Bitcoin, visto che il suo prezzo può aumentare o diminuire repentinamente. Per contestualizzare, diciamo che il Bitcoin ha un indice di volatilità pari al 4,60%, mentre quello delle principali valute tradizionali, come euro o dollaro, oscilla tra lo 0,5% e l’1%. La differenza principale consta nel fatto che in realtà, come abbiamo già spiegato, il Bticoin è un algoritmo e non una moneta, e quindi non va nemmeno considerato come tale. La quantità di Bitcoin è fissata a 21 milioni e non può essere modificata, a differenza delle valute tradizionali. Pertanto si stima che crescendo di popolarità e di accettazione tra le persone, il valore della criptomoneta non potrà che crescere in futuro in modo stabile.

I Bitcoin sono il futuro del betting?

Delle monete Bitcoin che escono da uno smartphone piegato a metàCome abbiamo potuto vedere in questa recensione, i Bitcoin si prestano molto bene ad essere utilizzati per le scommesse online. I tempi di deposito e prelievo molto rapidi, ottimi in particolare per le scommesse live, i pagamenti non soggetti a commissione e tassazione e la possibilità di mantenere al sicuro i propri dati finanziari e personali sono caratteristiche che piacciono a tutti gli scommettitori. Curaçao e Isola di Man sono state le prime Autorità a rendere legale l’uso di Bitcoin per il gaming online. A fine 2016 poi la Gambling Commission inglese, uno dei concessionari più regolamentati al mondo, ha equiparato le criptovalute ai metodi di pagamento tradizionali come carte di credito e bonifici, seguita a ruota dalla spagnola Dirección General de Ordenación del Juego. Un’apertura all’uso di monete virtuali è allo studio anche da parte della Malta Gaming Authority. In Italia invece la situazione è ancora diversa. Le rigide norme vigenti in materia di antiriciclaggio hanno per il momento portato l’Agenzia delle Dogane e dei Monopoli a non esprimersi sull’argomento. Per il momento dunque l’utilizzo delle criptomonete per le scommesse nel nostro Paese è ancora limitato. Studi del Politecnico di Milano hanno dimostrato come in realtà l’uso dei Bitcoin comporta un rischio riciclaggio basso e comunque inferiore rispetto ai metodi di pagamento tradizionali. Vi son quindi alte probabilità che le criptovalute rappresentino il futuro del betting.

Esistono criptovalute alternative per le scommesse?

Nel corso di questa recensione abbiamo spesso usato la parola “criptovalute” declinata al plurale. Questo perché a tutti gli effetti i Bitcoin non sono l’unica moneta virtuale esistente, pur essendo la più conosciuta. Molto conosciuti sono i Litecoin, che utilizzano un protocollo molto simile a quello dei Bitcoin. Creati da Charlie Lee nell’ottobre del 2011, nel corso del 2017 hanno conosciuto un incremento del loro valore pari al 4.800%. Abbiamo provato a comparare queste due criptovalute e il risultato è sintetizzato dall’immagine che il nostro team ha elaborato e che potete vedere qui sotto. Entrambe le valute elettroniche hanno un indice di volatilità piuttosto alto, anche se quello dei Litecoin è leggermente inferiore e si attesta intorno al 3,62%. Tutte e due le criptomonete consentono in modi diversi di mantenere l’identità riservata e utilizzano protocolli di sicurezza altamente sofisticati.

Un confronto tra le caratteristiche di Bitcoin e Litecoin

Altre criptovalute molto conosciute sono Ethereum, Cardano, Nem, Dash e Ripple. Hanno tutte conosciuto fortissimi incrementi di valore nel corso dell’anno 2017, tutti superiori a quello del Bitcoin stesso. Ripple, la critpomoneta che è cresciuta di più, ha visto moltiplicare il proprio valore ben 35.000 volte. Adesso che abbiamo conosciuto meglio anche le altre concorrenti del Bitcoin, vediamo di rispondere alla domanda: esistono criptovalute alternative per le scommesse? Allo stato delle cose la risposta purtroppo è negativa, almeno per quanto riguarda il panorama dei siti legali in Italia. Ma le cose cambiano rapidamente e siamo sicuri che presto, dopo un’attenta regolamentazione, anche il mondo dei siti .it aprirà ad altre criptovalute alternative.

Le scommesse Bitcoin: un approccio unico al gaming online

In questa lunga recensione abbiamo avuto modo di conoscere meglio uno degli argomenti più caldi e discussi dell’ultimo periodo, capirne il funzionamento e soprattutto scoprire in quale modo si lega al mondo del betting. Le scommesse sportive con Bitcoin sono ancora agli inizi e in questa fase pionieristica l’unico sito scommesse Bitcoin in Italia è infatti NetBet. Tuttavia, grazie alle caratteristiche proprie della criptovaluta, tra le quali citiamo le rapidissime tempistiche di deposito e prelievo, costi di gestione e commissioni praticamente inesistenti e alti livelli di privacy e sicurezza, i Bitcoin hanno tutto quello che serve per affermarsi in un futuro prossimo nel mondo delle scommesse, come già avviene in altri paesi del mondo. A partir dal 2009, anno della loro creazione, le criptomonete hanno fatto tanta strada e sono utilizzate ormai ovunque. Ci aspettiamo quindi presto una regolamentazione del settore e che tanti altri operatori seguiranno la strada di NetBet. Per scoprire di più sul mondo delle scommesse, visitate la nostra home page.

Gif con le migliori caratteristiche dei Bitcoin in collaborazione con NetBet

FAQ

Se avete ancora domande o dubbi sull’argomento trattato in questa nostra recensione, scriveteci all’indirizzo email info@sitiscommesse.com.

I Bitcoin sono soggetti a tassazione?

Ancora oggi non esiste in Italia una vera e propria normativa che regolamenti i guadagni da criptovaluta. Tuttavia l’Agenzia delle entrate assimila i Bitcoin a valuta straniera. Pertanto è possibile dichiarare delle plusvalenze tramite la compilazione del modello Unico PF.