Sportradar, un accordo fino al 2028 con la federcalcio asiatica

Importante accordo di cooperazione, quello firmato nei giorni scorsi dalla AFC (Asian Football Confederation, l’equivalente asiatico della UEFA) e Sportradar: fino al 2028, l’azienda svizzera leader nella distribuzione di video e dati si occuperà in esclusiva delle competizioni calcistiche organizzate dall’organismo.

Le ragioni dell’accordo

I loghi di Sportradar e AFC e alcuni giocatori in azione

Sportradar sarà partner ufficiale per la distribuzione di video e dati della AFC fino al 2028.

Che la Cina, l’India e l’Asia tutta stiano diventando dei player fondamentali a livello economico, politico e sociale non è certo un mistero né una novità. Anche e soprattutto in settori come il calcio, le aziende e gli enti asiatici stanno assurgendo sempre più al ruolo di potenze decisive, come mostra per esempio l’interesse dei grandi gruppi per le società di calcio (in Italia, l’Inter).

Di conseguenza, non stupisce che sempre più articolati accordi stiano vedendo la luce tra aziende e organizzazioni transnazionali. In questa dinamica si inserisce anche la partnership stipulata nei giorni scorsi tra il colosso della distribuzione dati e video per le manifestazioni sportive, e la AFC, la Asian Football Confederation, con la firma di un accordo di lungo respiro che resterà in vigore per i prossimi sette anni.

In cosa consiste la partnership

Per sette anni, fino al 2028, Sportradar sarà il partner ufficiale proprio per quanto riguarda la distribuzione di video e dati dell’equivalente asiatico della UEFA. Il lavoro di analisi dell’azienda svizzera riguarderà le maggiori competizioni continentali di calcio, a partire dalla Champions League e includendo l’AFC Cup China del 2023. Buone notizie dunque anche per gli appassionati di casa nostra che volessero scommettere sulla Champions League asiatica, che potranno contare sull’affidabilità di numeri e dati forniti dal noto gruppo elvetico.

L’accordo consentirà a Sportradar di utilizzare e distribuire contenuti dati e audio-video degli eventi delle competizioni asiatiche. Attualmente, peraltro, l’azienda svizzera sta già fornendo supporto alla AFC Integrity Unit, impegnata nella sorveglianza di casi di match fixing e manipolazioni di risultati, piuttosto presente a quelle latitudini.

I commenti dei protagonisti

Vista la durata e la consistenza dell’accordo tra Sportradar e AFC, non stupisce che entrambi i portavoce dei protagonisti della partnership abbiano rilasciato dichiarazioni, a margine della firma. Il segretario generale dell’AFC, Dato’ Windsor John, si è espresso per primo:

Siamo felici di dare il benvenuto al nostro nuovo partner ufficiale Sportradar. Il nostro accordo avvicinerà il calcio asiatico a una platea di spettatori globale e in continua espansione.Dato’ Windsor John, Segretario Generale, AFC

Per Sportradar, si è invece espresso l’Amministratore Delegato, Carsten Koerl.

Il calcio asiatico è in una fase di grande evoluzione, e con questo accordo con AFC noi diciamo che ci siamo. Per noi è un’opportunità strategica per integrarci ancora di più nel territorio grazie ai molti servizi che il nostro know-how potrà offrire, per la crescita di uno sport in enorme espansione in termini di partecipazione e spettatori.Carsten Koerl, Amministratore Delegato, Sportradar

Il mese scorso, Sportradar ha tra l’altro annunciato una fase di riorganizzazione aziendale: Carsten Koerl continuerà a supervisionare le attività in quanto CEO, con il supporto di tre ulteriori amministratori delegati, responsabili di altrettante regioni geografiche.

Ti è piaciuto questo articolo? Condividilo con i tuoi amici!
Share on Pinterest
I loghi di Sportradar e AFC e alcuni giocatori in azione

Articoli correlati