Portogallo, boom del gioco online: +55% nel terzo trimestre 2020

Nonostante la pandemia di Covid-19, c’è un settore dell’economia portoghese che nel 2020 ha fatto segnare dati molto positivi. Si tratta del gioco online, che secondo i dati pubblicati da SRIJ è cresciuto nel terzo trimestre del 55,7%. Tutti i numeri nel dettaglio.

Gioco online, terzo trimestre 2020 da record in Portogallo

La bandiera del Portogallo, un laptop e delle mani strette a pugno

Il gioco online in Portogallo segna un nuovo record.

Il 2020 non è stato certo un anno da incorniciare e in gran parte lo dobbiamo alla pandemia che ci ha costretti a lunghi lockdown e che ancora è ben lungi dall’essere stata sconfitta. Ma c’è un mercato in Portogallo che è andato in controtendenza e che ha fatto segnare record su record negli ultimi 12 mesi, ovvero quello del gioco online.

Gli ultimi numeri davvero incoraggianti per il settore riguardano il terzo trimestre dell’anno appena terminato, ovvero i mesi che vanno da luglio a settembre. Secondo i dati ufficiali appena pubblicati dal Serviços de Regulação e Inspeção de Jogos (SRIJ), l’authority che regola il settore nel paese lusitano, le entrate lorde del comparto del gioco online hanno conosciuto una crescita del +55,7% rispetto agli stessi tre mesi del 2019 e un aumento del +22,6% rispetto ai tre mesi precendenti.

SRIJ ha confermato poi anche la crescita degli operatori con licenza, che sono passati dai 18 di settembre 2019 ai 24 di fine 2020. Nel terzo trimestre sono stati notificati 29 ordini di chiusura a operatori che agivano illegalmente in Portogallo. Anche gli strumenti di gioco responsabile hanno dimostrato la loro efficacia in questo lasso di tempo, come dimostra il numero delle autoesclusioni, salito a 62.100 negli ultimi 12 mesi.

I dati disaggregati di scommesse e casinò

Gli 84,2 milioni incassati dal settore in questo periodo costituiscono un ulteriore record, che porta la crescita su base annua, sempre secondo i dati di SRIJ, ad un +40% mai visto prima in Portogallo. Una raccolta senza precedenti, che si può però spiegare sotto tanti punti di vista. Innanzitutto grazie all’introduzione del mercato regolamentato, che ha consentito ai cittadini portoghesi di disporre di un’offerta di gioco diversificata, ma soprattutto sicura e riconoscibile.

Com’era prevedibile, anche l’andamento della pandemia ha inciso su questo risultato. Tra luglio e settembre il settore delle scommesse sportive ha beneficiato infatti di una insolita estate piena di sport, con i principali campionati di calcio nazionali e la Champions League, ma anche la NBA e il grande tennis e ciclismo, che hanno ripreso a pieno regime dopo il lockdown primaverile.

È soprattutto il betting sportivo ad aver trainato il mercato del gioco in questi tre mesi: l’aumento è in questo caso del 64,4% rispetto allo stesso periodo del 2019, con un incasso complessivo d 42,5 milioni di euro. La crescita dei giochi di casinò si è invece assestata al 47,8% rispetto a 12 mesi prima: un aumento certamente significativo, anche se è da registrare una contrazione del -12,9% rispetto al secondo trimestre.

Ti è piaciuto questo articolo? Condividilo con i tuoi amici!
Share on Pinterest
La bandiera del Portogallo, un laptop e delle mani strette a pugno

Articoli correlati