Flutter nomina un responsabile per l’inclusione: una svolta

C’è una prima volta, nel betting, e a realizzarla è il gruppo Flutter. Il marchio, che controlla fra gli altri Betfair e Sky Bet, ha nominato Greg McCaw a responsabile del settore inclusione e diversità. Il suo compito sarà di sviluppare le strategie del gruppo per quanto riguarda queste importanti tematiche.

Un compito strategico e un segnale al mondo del betting

Il logo di Flutter e due ragazzi che guardano una partita di calcio in tv con uno smartphone collegato a un sito scommesse online

Flutter nomina Greg McCaw a primo responsabile del gruppo per l’inclusione e la diversità.

La scelta del gruppo Flutter si configura come un’operazione molto attenta alle problematiche del mondo contemporaneo, anche in un settore in cui, forse, le tematiche dell’inclusione e del rispetto delle diversità non si penserebbero esattamente come prioritarie. Per questo, la decisione del gruppo che controlla, tra gli altri, i bookmaker Betfair e Sky Bet (attivi anche in Italia), Paddy Power e Pokerstars è particolarmente importante.

Flutter ha infatti nominato Greg McCaw a primo responsabile del marchio per il settore inclusione e diversità. Si tratta di una nuova posizione, creata ad hoc e nella quale McCaw agirà sotto la diretta supervisione di Caroline Ross, responsabile risorse umane dell’azienda. Il suo compito sarà quello di sviluppare e poi mettere in pratica la strategia di Flutter per quanto riguarda l’attenzione a tematiche tanto fondamentali.

McCaw lavorerà con il consiglio d’amministrazione, ma anche con i leader dei settori business e ovviamente con il settore risorse umane per dare forma a opportunità di sviluppo per tutto il personale in riferimento alle problematiche di inclusività, presiedendo anche un apposito comitato di controllo che avrà il compito di monitare i progressi fatti.

Chi è Greg McCaw

L’esperienza di Greg McCaw nel lavoro alle tematiche di inclusività non è nuova e si è peraltro sviluppata già all’interno del gruppo Flutter. In precedenza, infatti, McCaw era stato responsabile per l’inclusione e l’impegno del personale in una delle sussidiarie del marchio, Sky Bet. In quella sede era stato tra i promotori della strategia inclusiva citata all’interno del report annuale del prestigioso All-in Diversity Project (ente che si occupa appunto di verificare l’effettività delle strategie di inclusione nel Regno Unito) nel 2019.

Prima ancora, McCaw aveva lavorato per l’azienda di moda New Look in qualità di responsabile delle risorse umane per Gran Bretagna e Irlanda. Già in questo settore il suo sforzo per le politiche di inclusione si era concretizzato nella collaborazione con l’associazione no profit LGBT, Stonewall e con l’ENEI (Employers Network for Equality & Inclusion).

Le parole dei protagonisti

Una scelta così contemporanea e importante a livello sociale come quella di Flutter non poteva che essere raccontata con grande soddisfazione dai suoi protagonisti. Ecco le prime parole del primo responsabile inclusione e diversità del gruppo.

Intraprendere questa avventura è senza dubbio la più emozionante opportunità della mia carriera. Ho già potuto sperimentare buona volontà e grande impegno, dentro Flutter, per le nostre strategie di inclusione, soprattutto da parte dei quadri dirigenti: questo avrà un grande impatto.Greg McCaw, Responsabile inclusione e diversità, Flutter

Anche Caroline Ross, che supervisionerà il lavoro di McCaw, è molto felice.

Sono felice di accogliere Greg nel nostro team. La sua dote di esperienza aiuterà il nostro gruppo a forgiare la strategia di inclusione. Il nostro obiettivo è far sentire a tutti i dipendenti un senso di intimità e partecipazione, creando un ambiente lavorativo dove la differenza è valore.Caroline Ross, Chief People Officer, Flutter

Ti è piaciuto questo articolo? Condividilo con i tuoi amici!
Share on Pinterest
Il logo di Flutter e due ragazzi che guardano una partita di calcio in tv con uno smartphone collegato a un sito scommesse online

Articoli correlati