Mondiale senza azzurri: l’idea di Snaitech a Betting on Football

Con l’esclusione della Nazionale di calcio italiana dalla Coppa del mondo di Russia 2018, il mercato delle scommesse in tutta la Penisola subirà una grande perdita e quindi diversi operatori dovranno “ingegnarsi” per rendere comunque appetibile a tutto il pubblico del betting un evento importante come i Mondiali di calcio.

Fabio Schiavolin, ad Snaitech, a Betting on Football

Snaitech ha parlato dell’assenza dell’Italia ai prossimi Mondiali. ©Agipronews

La provocazione di Snaitech – La manifestazione calcistica più attesa del mondo quest’anno sarà orfana dell’Italia, una delle nazionali più blasonate di sempre. Per incentivare gli utenti a scommettere comunque sull’evento, Snaitech ha lanciato una provocazione non da poco: “Perché tifare per una sola squadra quando puoi divertirti con tutte le altre?”. Una frase ‘forte’, soprattutto considerando luogo e oratore: Fabio Schiavolin, AD Snaitech, ha professato tali parole durante Betting on Football 2018, la più importante manifestazione internazionale sull’industria europea delle scommesse, tenutasi dal 21 al 23 marzo allo Stamford Bridge di Londra.

Come ha spiegato Fabio Schiavolin, questa Coppa del mondo di Russia 2018 sarà decisamente atipica per il pubblico italiano, risultando un Mondiale di puro intrattenimento per dare valore aggiunto in termini di divertimento attraverso le scommesse proposte da SNAI.

Una perdita per tutti – Tante personalità influenti nel mondo del calcio hanno espresso il loro stupore alla notizia dell’assenza dell’Italia ai prossimi Mondiali e questo buco avrà ripercussioni sui numeri delle scommesse. Di questo si è discusso anche durante il primo giorno del Betting on Football 2018: i vari partecipanti, durante il panel “Living without the World Cup”, hanno parlato anche delle relative strategie che adotteranno i bookmaker in questa situazione. L’assenza del tifoso ‘occasionale’, ovvero chi scommette spinto dalla passione per i colori di appartenenza, provocherà una perdita stimata intorno al 20% della raccolta fisiologica.

D’altro canto, Schiavolin è comunque certo che ci sarà una platea di veri amanti dello sport alla ricerca di emozioni autentiche che solo una partita di calcio può sprigionare: è ovvio dunque che gran parte di questi saranno più predisposti al divertimento e allo spettacolo, due segnali positivi per il mondo del betting. Schiavolin è convinto che con la Nazionale azzurra fuori dai giochi, questa sarà una nuova opportunità per valorizzare la dimensione del leisure, rimarcando il concetto della concezione di scommessa della famiglia SNAI: emozioni da vivere mentre si assiste al match smartpone alla mano.

A mali estremi… estremi rimedi – Per sopperire all’assenza della Nazionale di calcio italiana, Schiavolin è convinto che bisognerà puntare su ‘un’offerta potenziata’, su ‘scommesse ad hoc’ per l’evento e su focus sulle star internazionali in mondo da permettere agli utenti di creare una ‘propria formazione ideale’ composta da tutti i migliori calciatori che parteciperanno a Russia 2018. Una proposta realizzata avendo come base lo spirito dell’ entertainment supportato dalla possibilità di poter scommettere in qualsiasi ambiente tramite qualsiasi device (omnicanalità).

L’importanza del cliente – In questo Mondiale, Schiavolin sostiene che i social network avranno un’importanza fondamentale, facendo da ponte tra il mobile ed i prodotti del mondo SNAI. Inoltre, come capitato già in diverse occasioni, l’utente Snaitech avrà un peso specifico in alcune decisioni. Il bookmaker italiano sta infatti preparando diverse iniziative legate ai Mondiali di calcio e saranno i clienti a stabilire la scelta del posizionamento ed il taglio da dare alla campagna SNAI. Attraverso una call internazionale su Userfarm, una piattaforma di produzione video in crowdsourcing, i gusti degli utenti Snaitech determineranno la scelta del video della campagna per Russia 2018.

Ti è piaciuto questo articolo? Condividilo con i tuoi amici!
Share on Pinterest

Articoli correlati