Super Bowl: trionfo Philadelphia Eagles, battuti 41-33 i Patriots

È andato in scena nella notte tra domenica 4 e lunedì 5 febbraio 2018 l’attesissimo Super Bowl LII, ultimo atto della stagione di football americano. Allo U.S. Bank Stadium di Minneapolis (Minnesota) si sono infatti affrontati i blasonati New England Patriots di Tom Brady e i Philadelphia Eagles.

Super Bowl LII: la prima volta degli Eagles

Nick Foles, MVP del Super Bowl

I Philadelphia Eagles vincono il Super Bowl. ©wikimedia.org

Partiti da sfavoriti nel confronto più atteso dell’anno i Philadelphia Eagles hanno invece ottenuto il loro primo successo nella storia da quando è stato istituito il Super Bowl, ovvero la finalissima del campionato di football americano NFL. La squadra allenata da Doug Pederson si è imposta sui campioni in carica dei Patriots con il risultato di 41-33, conquistando un successo storico per la franchigia della Pennsylvania.

A poco è servita una partita quasi perfetta della stella di New England, il leggendario quarterback Tom Brady. Pur lanciando per 505 yard, stabilendo il suo record personale, con 3 touchdown, Brady non è riuscito a ottenere il 6° titolo per sé e per il suo team. Una partita quasi perfetta per Brady che però, sul 38-33 per Philadelphia, si vede strappare la palla dalle mani, perdendo la possibilità di concludere la propria offensiva e rimontare ancora una volta.

Nick Foles: da quarterback di riserva a MVP

Se Tom Brady, nonostante la sconfitta, è stato autore di una partita quasi perfetta, non si può fare a meno di notare la bravura del suo corrispettivo. Il quarterback dei Philadelphia Eagles Nick Foles, alla sua prima apparizione nel Super Bowl, ha lanciato per 373 yard con 3 touchdown. Una storia incredibile quella di questo 29enne statunitense, che ha conquistato il posto da titolare grazie all’infortunio del quarterback Carson Wentz. Da quel momento Foles si è caricato sulle spalle la squadra, con delle prestazioni degne di nota nei playoff.

Nella finale di Conference contro i Minnesota Vikings ha lanciato per un totale di 352 yard e 3 touchdown, risultando decisivo nella vittoria per 38-7 contro i più quotati Vikings. La sua stagione si è conclusa nel migliore dei modi nella gara decisiva, dove, oltre a lanciare i suoi compagni, ha anche segnato un touchdown in ricezione. Decisivo il suo ultimo lancio per Ertz a 2’21 dal termine che ha permesso ai suoi di passare in vantaggio per 38-33.

A suggellare la vittoria il provvidenziale intervento di Brandon Graham a sporcare il lancio di Tom Brady, col pallone poi finito nella mani di Derek Barnett e un nuovo possesso per gli Eagles. Il field-goal di Elliott ha poi chiuso i conti sul 41-33, un risultato irrecuperabile anche per Tom Brady. A gioire sono i Philadelphia Eagles e Nick Foles, passato nel giro di pochi anni da propositi di ritiro all’essere MVP del Super Bowl.

Un successo storico per Philadelphia: è il primo trionfo nel Super Bowl

Dopo due tentativi a vuoto, nel 1981 e nel 2005 (proprio contro i Patriots di Tom Brady), Philadelphia può finalmente gioire per la vittoria del Super Bowl. Gli Eagles di Doug Pederson hanno disputato una stagione incredibile con 13 vittorie su 16 nella stagione regolare e poi le vittorie su Atlanta e Minnesota nei playoff. Questa volta però anche il lieto fine della vittoria nella partita più importante della stagione, contro i fortissimi Patriots di Tom Brady. Un lieto fine meritatissimo per i Philadelphia Eagles e per la nuova star Nick Foles.

Ti è piaciuto questo articolo? Condividilo con i tuoi amici!
Share on Pinterest

Articoli correlati