Europa League: presentazione delle gare di andata delle Semifinali

Giovedì 2 maggio alle ore 21.00 si disputerà il primo round delle Semifinali di Europa League 2018/19. Grandi protagoniste due squadre di Londra: l’Arsenal se la vedrà in casa contro il Valencia, mentre il Chelsea volerà a Francoforte per affrontare l’Eintracht, protagonista fin qui di una ottima stagione.

Arsenal – Valencia, per i Gunners l’imperativo è vincere

Alexandre Lacazette e lo stemma dell'Arsenal, José Gayà e lo stemma del Valencia e l'Europa League

Un’altra sfida anglo-spagnola in Europa League: tra l’Arsenal e il Valencia chi andrà in finale?

La sfida tra Arsenal e Valencia mette di fronte due compagini che vogliono dare una scossa alla loro stagione, impreziosendola almeno con il raggiungimento di una finale europea. Diversi però gli stati d’animo delle due squadre. I Gunners, guidati in panchina da quell’Unai Emery che tanto ha vinto in questa competizione con il Siviglia, sono reduci da una serie di risultati negativi in Premier League, tra cui il recentissimo 3-0 incassato contro il Leicester. Anche il Valencia è andato ko nell’ultima giornata della Liga contro l’Eibar, ma il sesto posto in classifica e la strada aperta verso la finale rendono il bilancio più positivo di quello degli inglesi.

L’Arsenal ha raggiunto la Semifinale vincendo il girone E, per poi superare di slancio nei Sedicesimi il Bate Borisov, soffrire più del dovuto contro il Rennes negli Ottavi e battere con una certa semplicità il Napoli nei Quarti (2-0 e 1-0 il doppio score). Il Valencia, invece, retrocesso dalla Champions League (era nel girone della Juventus), ha superato gli scozzesi del Celtic Glasgow nei Sedicesimi, per poi superare solo in zona Cesarini il Krasnodar e vincere senza problemi il derby spagnolo con il Villareal nei Quarti.

I londinesi hanno notevoli problemi di formazione: il prossimo juventino Ramsey si è infortunato proprio contro il Napoli e si aggiunge a una infermeria dove alloggiano già Bellerin, Holding, Denis Suarez e Welbeck. Probabile un 3-4-1-2 con Aubameyang e Lacazette davanti. Sicuri del posto a centrocampo Xhaka e l’ex doriano Torreira. Nel Valencia di Marcelino mancheranno Kondogbia e Coquelin. In difesa ci sarà Piccini, con Guedes e Soler sugli esterni a centrocampo e in avanti i confermatissimi Rodrigo e Santi Mina.

Eintracht – Chelsea, la rivelazione contro i favoriti

Luka Jovic e lo stemma dell'Eintracht Francoforte, Gonzalo Higuain e lo stemma del Chelsea e il logo dell'Europa League

Sfida molto equilibrata, quella della Semifinale tra Eintracht Francoforte e Chelsea.

Quella tra Eintracht Francoforte e Chelsea è una partita che mette di fronte la squadra rivelazione del torneo, quella tedesca, e quella che fin dall’inizio è vista come la vera favorita. Entrambe quarte in classifica nei rispettivi campionati ma con uno spirito opposto (il Chelsea è una polveriera, tra contestazioni a Sarri e spogliatoio disunito, l’Eintracht è spinto dall’entusiasmo dei suoi tifosi), si presentano a questo importante appuntamento dopo aver entrambe pareggiato nell’ultimo turno di campionato (1-1 i Blues contro il Manchester United, 0-0 i tedeschi contro l’Hertha Berlino).

Piuttosto simile anche il cammino verso la Semifinale: l’Eintracht ha dominato il girone H (in cui c’era anche la Lazio) vincendolo a punteggio pieno; nei Sedicesimi poi ha superato lo Shaktar Donetsk, prima di domare l’Inter espugnando San Siro e superare il Benfica nei Quarti. Il Chelsea ha invece vinto il girone L con 16 punti, per poi vincere nettamente contro il Malmoe e ancora più di slancio contro la Dinamo Kiev (8-0 il totale dei due match); nei Quarti, invece, battuta la sorpresa Slavia Praga non senza qualche patema.

Per questa sfida, Adolf Hutter, mister dei tedeschi, dovrà fare a meno di Haller (infortunato) e Rebic (squalificato). Davanti il tandem Paciencia-Jovic (giovane bomber conteso da mezza Europa), a centrocampo il fantasista Gacinovic, supportato da Rode e Fernandes, con Da Costa e Kostic sulle fasce. Qualche problema di infermeria per Sarri, che però dovrebbe scegliere un 4-3-3 con Pedro, Giroud e Hazard terminali offensivi, Cheek, Kovacic (o Jorginho) e Kanté a metà campo e Azpilicueta, Christensen, David Luiz ed Emerson in difesa.

Ti è piaciuto questo articolo? Condividilo con i tuoi amici!
Share on Pinterest

Articoli correlati