Champions League 2019/20, ritorno degli ottavi per Juve e Napoli

E dopo l’Europa League, sotto con la Champions League: tra stasera e domani si completano gli ottavi di finale. Gare thrilling per Juventus e Napoli: i bianconeri cercano la rimonta contro il Lione, mentre Insigne e compagni se la vedono con il Barcellona, dopo l’1-1 del San Paolo. Tutta da gustare Manchester City – Real Madrid.

Juventus – Lione, CR7 alla riscossa

I loghi di Juventus, Olympique Lione e Champions League

La Juve deve rimontare un gol al Lione, se vuole andare avanti in Champions League.

Partita di non facile decifrazione, quella che stasera alle 21.00, all’Allianz Stadium, vedrà i bianconeri tentare di recuperare il gol di svantaggio maturato all’andata contro un Olympique Lione pimpante e capace di mettere in serie ambasce la Vecchia Signora.

Vero che è passata una vita, da quel 26 febbraio, e nel frattempo ci sono stati mesi di lockdown, la sospensione definitiva della Ligue 1 e il nono scudetto consecutivo vinto dai bianconeri (peraltro senza dominare come in passato), e che quindi bisogna basarsi su elementi forse non così probanti, per giudicare lo stato di forma delle due squadre.

La Juventus, nell’ultima fase del campionato, non ha certo brillato, e per quanto inedite le condizioni di gioco delle ultime nove partite, mai come quest’anno è sembrato che le rivali non fossero così distanti. Per quanto riguarda invece i francesi, la maggiore incognita è rappresentata dai moltissimi mesi di assenza dalle competizioni ufficiali.

Vediamo le probabili formazioni. In casa-Juve, il dubbio maggiore è legato a Paulo Dybala: l’MVP della Serie A 2019/20 è acciaccato, e al massimo potrebbe partire dalla panchina. In attacco insieme a Ronaldo vedremo dunque Higuain e uno tra Cuadrado (favorito) e Bernardeschi; nel caso la spunti il colombiano, difesa con Danilo e Alex Sandro terzini, Bonucci e De Ligt in mezzo. Centrocampo senza sorprese con l’asse Bentancur-Pjanic-Rabiot. Il Lione di Rudi Garcia sarà privo del match-winner dell’andata, Tousart (trasferitosi all’Hertha Berlino), ma avrà la coppia d’attacco formata da Memphis Depay e Dembélé. Arbitrerà il tedesco Zwayer.

Barcellona – Napoli, Gattuso vuole continuare a sognare

I loghi di Barcellona, Napoli e Champions League

Partitissima per il Napoli, che con il Barça parte dall’1-1 dell’andata.

Sarà invece domani sera, sempre alle 21.00, il turno del Napoli, che dopo un 1-1 che alla banda-Gattuso andò persino stretto sei mesi fa, cerca in quel del Camp Nou un lasciapassare per i quarti di finale che avrebbe un’importanza notevole per impreziosire una stagione che vede già nella bacheca dei partenopei la Coppa Italia.

Il Barcellona è sempre il Barcellona, intendiamoci, ma mai come quest’anno i blaugrana hanno vissuto una stagione travagliata: il secondo posto nella Liga può trarre in inganno, perché la distanza dal Real Madrid campione di Spagna è sempre stata maggiore di quanto dicesse la classifica. Inoltre, il cambio in corsa in panchina, con Setien che ha sostituito Valverde e che comunque a fine stagione a sua volta se ne andrà, i malumori di Messi (che potrebbe addirittura cambiare squadra, l’Inter sta tentando la mossa a sorpresa) e dello spogliatoio e le difficoltà finanziarie hanno reso l’aria sulle Ramblas pesantissima.

Alle pendici del Vesuvio, invece, l’atmosfera è ottima: Gattuso ha la piena fiducia di squadra e società, i tifosi, seppure a distanza, sono allineati, e il buonissimo finale di stagione ha dato solidità a una stagione che era invece partita malissimo, con l’allontanamento di Ancelotti. Naturalmente, quello di domani sera dovrà essere il miglior Napoli possibile, e in un Camp Nou senza pubblico, chissà cosa potrà succedere.

Gattuso ha la grana-Insigne: il capitano non sta bene, ma vuole stringere i denti e essere della partita. Se ce la farà, il tridente sarà composto da lui, Mertens e Callejon; altrimenti, dovrebbe sostituirlo Elmas. Centrocampo con Fabian Ruiz, Demme e Zielinski, difesa con Di Lorenzo, Manolas, Koulibaly e Mario Rui a protezione del recuperato Ospina. Problemi in casa catalana: non ci saranno gli squalificati Vidal e Busquets e l’infortunato Umtiti, ma recupera Dembelé. Davanti a Ter Stegen ci saranno Semedo, Piqué, Lenglet e Jordi Alba; sulla mediana Sergi Roberto, De Jong e Rakitic, davanti Leo Messi con Suarez e Griezmann.

Le altre due partite in programma

Ricordiamo che ci sono già quattro squadre qualificate ai quarti: la fantastica Atalanta, che se la vedrà con il Paris Saint-Germain, il Lipsia e l’Atletico Madrid. Oltre alle due italiane, altre quattro squadre cercheranno il lasciapassare per il prossimo turno.

Stasera alle 21.00, il big match tra Manchester City e Real Madrid. Si riparte dal 2-1 con cui i Citizens di Guardiola hanno espugnato il Santiago Bernabeu, e ci aspettiamo una sfida stellare, con i Blancos di Zidane che vorranno approfittare dell’assenza del caldissimo pubblico mancuniano.

Domani sera, invece, spazio a Bayern Monaco – Chelsea: sembra fatta, per i bavaresi, che all’andata a Londra hanno strapazzato i Blues vincendo 3-0, ma l’atmosfera di Champions, anche in un anno balordo come questo, che costringe a gare senza pubblico, è sempre speciale, e di sicuro non si può dare niente per scontato.

Ti è piaciuto questo articolo? Condividilo con i tuoi amici!
Share on Pinterest
I loghi di Juventus, Olympique Lione e Champions League

Articoli correlati