Svezia e Olanda: accordo tra gaming authority sui dati condivisi

Importante accordo di collaborazione tra gli enti regolatori del gioco di Svezia e Olanda: SGA e KSA hanno firmato un memorandum di intesa per migliorare la cooperazione internazionale e per la condivisione dei dati e delle informazioni e rendere più efficiente la supervisione nei rispettivi Paesi.

Un accordo nel nome della cooperazione internazionale

I loghi di SGA e KSA, uno smartphone e delle palle sportive

Le gaming authority di Svezia e Olanda stringono un accordo per la condivisione dati.

In un mondo sempre più globalizzato e con operazioni che grazie a internet connettono il pianeta nel giro di pochi istanti, diventa sempre più importante la cooperazione internazionale. Questo è decisamente vero anche per quanto riguarda il settore gioco e scommesse, e proprio in questo quadro va visto l’accordo, siglato nei giorni scorsi, tra Spelinspektion (SGA) e Kansspelautoriteit (KSA), gli enti regolatori del settore di Svezia e Olanda.

Le due gaming authority hanno firmato un protocollo di intesa volto a migliorare la condivisione di dati e informazioni proprio nel segno della cooperazione internazionale. Entrato in vigore mercoledì scorso, il memorandum si prefigge lo scopo di rendere più funzionale la supervisione dei due enti nelle rispettive Nazioni. Non solo, si rafforza anche lo sforzo congiunto nella messa in opera di provvedimenti contro operatori illegali.

Peraltro, in estate la KSA aveva stretto un identico memorandum con MGA (Malta Gaming Authority), l’ente regolatore del gioco dell’isola mediterranea, con cui anche SGA aveva in precedenza siglato una partnership. Il tutto riafferma l’impegno degli enti normatori del settore nel prevenire crimine e truffa, assicurando che quello del gioco sia un ambiente sicuro e trasparente, in cui si proteggono gli utenti dai rischi del gioco compulsivo.

I commenti dei protagonisti

A margine della firma dell’accordo tra SGA e KSA sono arrivate le reazioni ufficiali dei diretti responsabili dei due enti. Camilla Rosenberg, per l’agenzia svedese, si è così espressa:

Aprire un canale di comunicazione tra le due authority ci permette di essere più forti nel rispettivo impegno di supervisione sul settore dei giochi e delle scommesse online.Camilla Rosenberg, Direttore Generale, SGA

Soddisfazione anche in casa olandese, con le parole del responsabile di KSA, René Jansen:

Questo accordo lancia un doppio segnale: da un lato la cooperazione tra agenzie è possibile, dall’altro gli operatori capiscono la qualità e l’importanza del lavoro che i nostri enti svolgono.René Jansen, Direttore Generale, KSA

Il sondaggio di KSA

Un’altra importante notizia legata alla gaming authority olandese è quella legata al sondaggio, della durata di tre settimane, sulle norme legate al gioco responsabile che verranno introdotte, in qualità di norme accessorie, nella imminente nuova legge sul gioco online dal governo di Amsterdam.

Le nuove norme rimpiazzeranno quelle attualmente esistenti a partire dal gennaio 2021, quando entrerà in vigore la nuova legge olandese sul gioco online. Negli standard sottoposti al sondaggio, che terminerà il prossimo 9 novembre, ci sono la richiesta di equilibrio e prudenza ai bookmaker per quanto riguarda le pubblicità e l’impegno contro advertising ingannevole o mercati ambigui. A ciò si aggiunge l’impegno richiesto agli operatori per la prevenzione del gioco compulsivo e l’assistenza ai giocatori problematici.

Ti è piaciuto questo articolo? Condividilo con i tuoi amici!
Share on Pinterest
I loghi di SGA e KSA, uno smartphone e delle palle sportive

Articoli correlati