La KSA impone nuove regole per le pubblicità nel mercato olandese

Dal 1° di Ottobre cambiano le regole per le pubblicità sul gioco d’azzardo nel mercato olandese; questo è quanto è emerso dalle ultime pubblicazioni della Kansspelautoriteit (KSA), l’Ente che si occupa di regolamentare il gioco d’azzardo nei Paesi Bassi.

Cosa cambia con le nuove linee guida

Ragazzi che giocano al casinò, logo KSA e bandiera olandese.

KSA, Ente Olandese per il gioco ha imposto nuove regole per le pubblicità sul betting.

Come detto in apertura, la KSA ha lanciato delle nuove linee guida per tutte quelle attività di marketing che sponsorizzano il gioco d’azzardo e le scommesse sportive, con il fine di andare a proteggere i giocatori più vulnerabili. Linee guida queste, che vanno ad allinearsi con quanto fatto da numerosi altri paesi europei.

Ma che cosa cambia in sostanza? Innanzitutto tutti i casinò, sia fisici che online, non potranno proporre alcun tipo di pubblicità televisiva che alluda al gioco d’azzardo dalle ore 6 del mattino fino alle ore 19. Inoltre, saranno vietate la messa in onda di pubblicità volte ad attirare giocatori di età compresa tra i 18 e i 24 anni.

Le nuove linee guida sono state stipulate dopo che dagli ultimi studi è emerso come la categoria di giocatori più fragili sia proprio quella tra i 18 ed i 24 anni, ovvero i ragazzi giovani che possono scommettere per la prima volta e non sanno come moderarsi, facendo aumentare vertiginosamente il numero di casi di dipendenza da gioco d’azzardo.

Tutti gli altri divieti imposti dalla KSA

La KSA si è data veramente da fare, dal momento che la lista di divieti imposti non è finita qui. Oltre ai limiti di orario e di età, tutte le campagne di marketing non possono avere come testimonial atleti sportivi in attività che promuovano il gioco d’azzardo (e quindi anche siti di scommesse sportive) o i marchi ad esso collegati.

Di conseguenza, anche se potrebbe risultare abbastanza scontato, è altresì proibita qualsiasi attività pubblicitaria che presenti le scommesse sportive e il gioco d’azzardo come un modo per arricchirsi e fare soldi. Inoltre, tutte le campagne pubblicitarie consentite dovranno includere i vari Termini&Condizioni di eventuali bonus ed offerte promozionali presentate, in modo da informare al 100% i giocatori sul prodotto visto in TV.

Per concludere, la KSA ha anche impedito la programmazione di questi tipi di spot durante lo svolgimento di eventi sportivi trasmessi in diretta, imponendo a tutti gli operatori di non modificare i bonus presenti per cercare di incentivare un maggior numero di scommesse o come metodo per re-ingaggiare i giocatori inattivi.

Ti è piaciuto questo articolo? Condividilo con i tuoi amici!
Share on Pinterest
Ragazzi che giocano al casinò, logo KSA e bandiera olandese.

Articoli correlati