Snaitech cede il 70,56% del capitale a Playtech

Risale a pochi giorni fa, giovedì 12 aprile 2018, la notizia dell’acquisizione di Snaitech da parte del colosso britannico Playtech. La società con sede nell’Isola di Man, specializzata nei servizi tecnologici per il gioco online ha infatti acquisito una partecipazione al capitale dell’azienda italiana Snaitech equivalente al 70,561%.

I dati dell’operazione

Un laptop con dei giocatori di calcio che escono dallo schermo

Snaitech passa nelle mani di Playtech. ©shutterstock.com

L’importo complessivo dell’operazione che ha portato all’acquisizione di Snaitech da parte di Playtech è di 846 milioni di euro tra esborso diretto e nuovo debito. L’acquisizione verrà completata entro il terzo trimestre del 2018, mentre l’intera operazione si concluderà prevedibilmente entro il quarto trimestre.

Al momento Playtech ha messo sul piatto ben 291 milioni, di cui 229 milioni andranno a Global Games e 62 ad Old Games, società che detengono rispettivamente il 55,53% ed il 15,03%. Tra gli obiettivi della società inglese c’è anche la rimozione dal mercato azionario italiano del titolo di Snaitech alla conclusione dell’operazione.

Proprio l’annuncio dell’acquisizione ha fatto volare Borsa i titoli delle due società: a Piazza Affari Snaitech ha chiuso la giornata di giovedì 12 con un rialzo del 15,12% e un prezzo di scambio di 2,155 euro. Rialzo del 8,4% per Playtech a Londra.

Cosa cambia con l’acquisizione

Come confermato dalla stessa azienda britannica non ci saranno grossi cambiamenti all’interno dell’organigramma di Snaitech. L’amministratore delegato di Snaitech, Fabio Schiavolin, continuerà a ricoprire il suo ruolo, e con lui altri membri chiave nel management della società. Non saranno inoltre proposti nuovi direttori al Playtech Board in seguito alla transazione, come si legge in una nota diffusa dalla stessa aziende.

Lo stesso Schiavolin ha sottolineato come l’acquisizione in corso rifletta la posizione di rilievo conquistata da Snaitech nel mercato italiano. L’AD ha poi aggiunto che:

La combinazione tra la tecnologia di Playtech e la forza del marchio Snaitech in Italia, ci metterà in condizione di cogliere al volo l’opportunità di crescita del mercato italiano online. Siamo lieti di entrare a far parte del team di Playtech. Fabio Schiavolin, AD di Snaitech

Mor Weizer, amministratore delegato di Playtech, ha a sua volta commentato che:

L’acquisizione di Snaitech è la continuazione della nostra strategia di investimento nei principali marchi in Italia, all’interno di un mercato regolamentato ed in costante crescita. Questa acquisizione è un obiettivo strategico che permetterà di migliorare la qualità e diversificare i ricavi del Gruppo, creando un operatore B2B2C verticalmente integrato nel più grande mercato europeo del gioco. Mor Weizer, AD di Playtech

La società con sede nell’Isola di Man è attiva nel mercato B2B (Business to Business), dove si occupa delle fornitura di software per siti di gaming e scommesse sportive online. Attiva dal 1999, Playtech è presente in molti Paesi del mondo ed ha oltre 5 mila dipendenti. Nel 2017 ha generato ricavi per 807 milioni, con un utile per 231 milioni.

Attraverso l’integrazione con Snaitech intende creare un primario operatore verticalmente integrato nel settore del gioco regolamentato in Italia, che controllerà la propria tecnologia su tutti i prodotti e filiera verticale fisica e online. Tutto questo grazie alla posizione di leadership di Snaitech, che può vantare una presenza capillare sul suolo italiano con oltre 1.600 punti scommesse, 54.000 new slot e 10.000 videolotterie.

Ti è piaciuto questo articolo? Condividilo con i tuoi amici!
Share on Pinterest

Articoli correlati