Un anno di sport: tutto quello che è successo nel 2019 (Parte 1)

Fine anno, come al solito, è tempo di bilanci e riassunti. Seguiamo anche noi la tradizione e ripercorriamo dodici mesi di sport. In questa prima parte parleremo di ciò che è successo da gennaio a giugno, con i grandi eventi di tennis, calcio, basket e molto altro, dalla vittoria dei Raptors nella NBA ai Mondiali di calcio femminile.

Calcio, feste per Juve e Liverpool e per la nazionale femminile USA

I loghi dei Mondiali di calcio femminili, del Giro d'Italia e dei Toronto Raptors

Gli avvenimenti sportivi più importanti dei primi sei mesi del 2019, dal tennis al calcio passando per il ciclismo.

In una stagione priva di grandi appuntamenti come Mondiali ed Europei, il calcio ha vissuto soprattutto dei grandi successi dei club: in Italia, la Juventus ha vinto con notevole facilità il suo scudetto numero 35 (l’ottavo consecutivo), non riuscendo però ancora una volta ad assaporare la conquista della Champions League: in Europa i bianconeri sono stati eliminati ai Quarti dall’Ajax, mentre il trofeo è andato al Liverpool, protagonista di una finale tutta inglese contro il Tottenham.

Detto che i principali campionati nazionali sono stati vinti rispettivamente da Manchester City (Inghilterra), Bayern Monaco (Germania), Barcellona (Spagna) e Paris Saint-Germain (Francia), l’altro grande evento calcistico sono stati i Campionati Mondiali femminili, svoltisi in Francia dal 7 giugno al 7 luglio. Ha vinto la nazionale più forte, quella degli USA, con stelle come Megan Rapinoe e Alex Morgan, ma finalmente questo sport ha avuto una vetrina globale, che ha permesso agli sportivi di appassionarcisi.

Tennis, i Big Three non mollano mai

I due più importanti appuntamenti tennistici dell’anno, ovvero i due tornei validi per il Grande Slam (Australian Open e Roland Garros) hanno confermato, se mai ce ne fosse bisogno, che i Big Three (Djokovic, Nadal, Federer) sono destinati a dominare ancora a lungo la scena. Il serbo si è infatti aggiudicato il torneo australiano, mentre Rafa Nadal ha vinto per la dodicesima volta in Francia. I tornei femminili sono stati vinti rispettivamente dalla giapponese Osaka e dall’australiana Barty.

In tutto questo, i nostri atleti hanno cominciato a farsi notare in positivo, con una escalation che vedrà però i suoi migliori frutti nella seconda parte dell’anno: Fognini, Berrettini, Cecchinato e Seppi si sono infatti ben difesi in entrambi i tornei, riuscendo a giungere almeno alla seconda settimana di incontri.

Basket, i trionfi di Venezia, Mosca e Toronto

Nella pallacanestro, l’annata è stata segnata soprattutto dal trionfo nella NBA dei Toronto Raptors. Guidati da uno straordinario Kawhi Leonard, i Raptors hanno superato in finale per 4-2 i fortissimi (ma falcidiati dagli infortuni) Golden State Warriors, e per la prima volta hanno portato l’anello in Canada. C’è anche un po’ di Italia nel trionfo canadese, perché il nostro Sergio Scariolo è nel pool di allenatori della franchigia.

In Europa, invece, si è assistito al trionfo, in Euroleague, dei russi del CSKA Mosca, che si sono aggiudicati per l’ottava volta il massimo trofeo continentale. In Italia, invece, è stata la Reyer Venezia ad aggiudicarsi il suo quarto scudetto, dopo aver superato, in una combattutissima finale giunta a gara 7, i sardi della Dinamo Sassari. Molto male Milano, eliminata proprio dalla Dinamo.

Gli altri sport: un colombiano si aggiudica il Giro

Concludiamo con una veloce panoramica sugli altri sport, cominciando dal Giro d’Italia: l’edizione numero 102 della più importante corsa a tappe del nostro Paese si è conclusa con la vittoria del colombiano Richard Carapaz, vincitore di due tappe, davanti al nostro Vincenzo Nibali e allo sloveno Roglič.

Il football americano NFL ha visto invece il sesto trionfo dei New England Patriots di Tom Brady, che hanno battuto per 13-3 i Los Angeles Rams, mentre la NHL, il campionato USA di hockey su ghiaccio, ha visto la vittoria dei St. Louis Blues. Nel rugby, è stato il Galles (39′ titolo) ad aggiudicarsi il Sei Nazioni.

Infine, grande l’annata per gli sport invernali: l’altoatesina Dorothea Wierer si è aggiudicata la Coppa del Mondo di Biathlon, vincendo anche quella della specialità Inseguimento, con Lisa Vittozzi che ha vinto invece quella Individuale. Wierer ha poi vinto anche la medaglia d’oro nella 12.5km ai Mondiali e quella di bronzo nella staffetta mista, mentre Vittozzi, oltre al bronzo nella staffetta mista, si è aggiudicata l’argento nella 15km. Tra gli uomini, Dominik Windisch ha vinto la 15km.

Nello sci alpino, Dominik Paris si è aggiudicato la Coppa del Mondo e la medaglia d’oro ai Mondiali nel SuperG, con Sofia Goggia che, nella stessa disciplina, ha conquistato l’argento. Nei Mondiali di fondo, invece, argento per Federico Pellegrino nello Sprint e bronzo per l’Italia nello Sprint a squadre.

Ti è piaciuto questo articolo? Condividilo con i tuoi amici!
Share on Pinterest
I loghi dei Mondiali di calcio femminili, del Giro d'Italia e dei Toronto Raptors

Articoli correlati