Giro d’Italia 2021, ci siamo: ecco percorso e quote dei favoriti

A Torino è quasi tutto pronto per la partenza del Giro d’Italia 2021. Sabato nel capoluogo piemontese si correrà il prologo che assegnerà la prima maglia rosa. Ecco i principali favoriti per la vittoria finale e le quote dei bookmaker.

Ecco il Giro numero 104: tutte le tappe da non perdere

Un ciclista in azione e il logo del Giro d’Italia

Giro d’Italia 2021: ci siamo!

Mancano solo pochi giorni a sabato 8 maggio, data fatidica per tutti gli appassionati italiani di ciclismo. Il Giro d’Italia sta per tornare, questa volta nella sua classica collocazione nel mese di maggio, dopo la versione “autunnale” dello scorso anno. La 104esima edizione della corsa rosa si annuncia piena di emozioni, grazie ad un percorso avvincente e a tanti protagonisti annunciati.

Cominciamo dal tracciato. 21 tappe come da tradizione per un totale di 3479,9 chilometri. Si parte da Torino, con un cronoprologo che assegnerà la prima maglia rosa del Giro d’Italia 2021. Si arriverà invece a Milano, il 30 maggio, con un’altra cronometro che deciderà probabilmente il vincitore finale.

In mezzo tanta, tantissima montagna: sono ben 8 gli arrivi in salita in programma. Gli scalatori potranno saggiare la gamba già nella quarta tappa con arrivo a Sestola, per poi riprovarci, sempre sugli Appennini, a Campo Felice nella nona tappa. Attenzione poi all’arrivo sul Monte Zoncolan e al tappone dolomitico che prevede anche la Cima Coppi con lo scollinamento del Passo Pordoi, con Fedaia, Giau e arrivo a Cortina.

Prima del finale meneghino, spazio ancora alle tappe dell’Alpe Mera e Valle Spluga. Non mancheranno i tributi in questo Giro 2021: la tappa Siena-Bagno di Romagna vivrà nel segno di Gino Bartali e Alfredo Martini, nel centenario della nascita. La frazione Ravenna-Verona sarà invece dedicata a Dante Alighieri, a 700 anni dalla morte del Sommo Poeta.

Chi sono i favoriti? Da Bernal a Nibali, il borsino con le quote

A chi si addice il percorso di questo Giro d’Italia? Vista l’altimetria e gli arrivi in quota, è quasi scontato che a farla da padrone saranno gli scalatori. Il parterre di protagonisti non manca di certo. A cominciare dal colombiano Egan Bernal, giovane vincitore del Tour 2019. Dopo un anno interlocutorio, l’alfiere della Ineos cerca il rilancio proprio dalla corsa rosa: per i bookmaker è lui l’uomo da battere, la sua maglia rosa a Milano paga 3.50 la posta.

Attenzione però a non sottovalutare Simon Yates. Il britannico del Team BikeExchange, vincitore della Vuelta nel 2018 e ottavo al Giro del 2019, ha vinto pochi giorni fa con autorevolezza il Tour of the Alps, dove si è aggiudicato anche una frazione, facendo impennare le sue quotazioni. Per gli allibratori è il secondo favorito del lotto, con quota 4.00, ma la sua tenuta sulle tre settimane è tutta da verificare.

Grande attesa anche per vedere finalmente all’opera in Italia il giovanissimo Remco Evenepoel. Il belga, classe 2000, era il favorito numero uno della scorsa edizione, prima che un terribile incidente al Lombardia lo togliesse dai giochi. La sua quota, nonostante questo, è ancora molto bassa a 4.75.

Dietro a questo trio delle meraviglie, occhio agli outsider. Il russo Aleksander Vlasov (Astana) ha brillato in questa prima parte di stagione e la sua quota (15.00) è la stessa di Mikel Landa, temibile scalatore basco. E gli italiani? Come accade, purtroppo, da qualche anno, li troviamo lontani dalle prime posizioni tra i favoriti: a tirare la carretta è sempre Vincenzo Nibali, che quest’anno i bookmaker quotano a 51.00

Ti è piaciuto questo articolo? Condividilo con i tuoi amici!
Share on Pinterest
Un ciclista in azione e il logo del Giro d’Italia

Articoli correlati